Mentre a Ventimiglia la situazione umanitaria diventa ogni giorno più grave il neo presidente Toti decide di farsi un viaggio di tre giorni tra Milano e Roma e alimentare la polemica nazionale, invece di governare l’emergenza. Gli fa buona compagnia la vicepresidente in pectore Sonia Viale che invece denuncia fantomatici migranti con Rolex.

È quanto mai necessario che il Presidente della Regione Liguria dichiari lo stato di emergenza e che resti aperto lo spazio nei locali dell’ex Dogana che sta dando rifugio a parte dei migranti. In questi giorni, come Consigliere regionale di Rete a Sinistra, unitamente con alcuni deputati, mi recherò a Ventimiglia al fine di relazionare e incontrare chi si sta concretamente portando aiuto e sollievo a chi sta vivendo questa emergenza.

Gianni Pastorino, consigliere regionale Rete a Sinistra